Newsletter

Olio extravergine d’oliva

Cibo e mangiar bene18/09/2018

Come riconoscere quello buono!

L’olio extravergine è un alimento con proprietà straordinarie. Perfetto anche per friggere, in quanto avente un punto di fumo molto alto. Ma come si riconosce quello buono? L’olio extravergine è ricavato dalla prima spremitura cosi da rispettare determinati parametri di acidità, caratteristiche organolettiche. Dopo la prima spremitura l’olio extravergine è subito imbottigliato per non andare incontro a processi ossidativi, conservare un buon profilo fenolico e un tasso di acidità delll’1%.

Come si riconosce? Prima di tutto il prezzo. Un buon olio non può costare una cifra troppo bassa. L’extravergine di qualità contiene molti composti aromatici ed è riconoscibile sia all’assaggio sia all’olfatto. Un ottimo olio ha una fragranza che ricorda erba appena tagliata, una foglia sfregata tra le mani, un pomodoro verde maturo. Per annusarlo al meglio dovete versarlo in un bicchierino, riscaldarlo lievemente e poi portarlo al naso, inspirando. La fluidità è un’altra caratteristica saliente. Versate un cucchiaio di olio in un bicchierino di vero, agitate, disponete in controluce e guardatelo attentamente: gli olii molto densi sono pieni di acidi grassi polinsaturi e quindi non sono sani quanto l’olio d’oliva! Infine, per degustarlo e sentirne il sapore, dovete metterne in bocca un sorso e tenerlo bene fra lingua e palato aspirando prima di deglutirlo. Poi, prendetevi il tempo di assaporarlo per almeno mezz’ora.

Dove trovare questi prodotti?

Mostra nella mappa

Orari d'apertura

LUN-MAR-MER-SAB-DOM 09.00-21.00; GIO-VEN. 09.00-22.00

Contatto

0332 345611

Altre notizie

#JustAsk

Rispondiamo
entro un'ora
sulla nostra pagina Facebook

Fai la tua domanda
Orari d'apertura

Telefono: +39 0332 336185
> Contattaci

Top